Libretto postale e conto corrente (quasi) pari sono

Scritto da: -

postamat.jpg

Fino ad oggi alle Poste i titolari di un conto BancoPosta hanno potuto e potranno utilizzare gli sportelli Atm Postamat per prelevare denaro, mentre per i titolari di libretto di risparmio nominativo occorreva prendere il numeretto, fare la fila e prelevare allo sportello. Per fortuna da lunedì prossimo si ristabilisce in merito un minimo di "parità" visto che anche i titolari di libretti postali nominativi ordinari potranno dal 16 novembre richiedere “librettopostale Card”, una sorta di Bancomat associato al proprio libretto che garantisce il prelievo di contanti 24 ore su 24, senza bisogno di recarsi a prelevare facendo la fila e magari perdendo una mezza mattinata alle Poste. Da lunedì prossimo, quindi, consiglio agli interessati di andare alle Poste e richiedere la “librettopostale Card”, che arriverà direttamente al domicilio del titolare del libretto.

La carta funziona con codice PIN, è comoda, fa risparmiare tempo, e soprattutto, Poste Italiane garantisce che non ci sono costi aggiuntivi a carico del cliente: zero spese per il rilascio, zero spese per l'utilizzo, e zero spese in caso di richiesta di duplicato per furto, smarrimento o distruzione. Le Poste, in questo modo, potranno "alleggerire" le file allo sportello, mentre il risparmiatore, titolare di un libretto ordinario nominativo, acquisirà un nuovo canale di accesso moderno ed al passo coi tempi. Il fatto che poi questa nuova comodità sia a costo zero è un fatto importante, visto che ad esempio in Italia ci sono ancora banche che si fanno pagare una quota annua per l'utilizzo del Bancomat; e questa di certo non è una cosa al passo coi tempi!

Immagine tratta da: farainsabina.info

Vota l'articolo:
Nessun voto. Potresti essere tu il primo!